DREPANUM.EU
LOADING ...

Benvenuti a Erice

Città storica dal fascino medievale.
Territorio ricco di cultura e tradizioni tramandate dalle varie dominazioni susseguitesi nel tempo.
Un antico borgo dove il tempo sembra essersi fermato.

Scopri tutta la sua magia
e lasciati sedurre dal suo fascino.
Scopri di più

Erice
Sicilia Occidentale


L'antica città medievale di Erice sorge a circa 750 metri dal mare. Scopri le antiche Vie costituite dall'originale basolato in pietra e la magia che questo posto emana.

Ricca di storia, chiese e specialità gastronomiche tutte da scoprire. Dista pochi chilometri da Trapani, raggiungibile in auto, moto/scooter o tramite l'impianto funicolare denominato "Ovovia" (aperto alcuni periodi dell'anno - contattaci per informazioni).

Erice rappresenta da sempre una tappa necessaria e indispensabile per chi visita la Sicilia Occidentale. Si trova ad un'altezza di circa 750 metri.
Per raggiungerla è necessario utilizzare un transfer, pullman, auto o moto/scooter, oppure l'impianto funicolare.

Si tenga conto che l'uso della funivia è accessibile attraverso una serie di gradini oppure tramite apposito ascensore.
Tale ascensore chiaramente potrebbe durante l'anno presentare guasti/disservizi di natura meccanica ragion per cui consigliamo sempre di contattare il servizio funivia erice prima per prendere le dovute informazioni di accessibilità.

L'impianto è costituito da una serie di cabine automatiche monofune a 8 posti chiuse ad anello. Sono possibili imarchi di carrozzine e biciclette.


Orari impianto funivia:

Dal Martedì al Venerdì.
Apertura: dalle ore 08:30 alle ore 20:00.

Sabato, Domenica e Festivi.
Apertura: dalle ore 09:30 alle ore 20:30.

Gli orari potrebbero non essere aggiornati o subire variazioni stagionali, si consiglia di contattare il servizio funivia erice per maggiori informazioni.

La città di Erice ha una forma prettamente triangolare sviluppata in pendenza nel lato longitudinale.

Si possono ancora notare buona parte delle antiche mura preservate nonostante i secoli trascorsi. Il fascino si gusta anche al tramonto: godendo di una vista mozzafiato davvero unica che va dalle saline alla città di Trapani, dal golfo di Bonagia fino all'entroterra in provincia di Trapani.

Se di giorno Erice ha una sua atmosferca unica al calare della notte si può rievocare un fascino di altri tempi, tipico di questa città medievale con vicoli stretti, piccoli borghi, e stradine di un tempo percorse da buoi e cavalli.

Si potrebbe dire ancora tanto di Erice, ma il resto è da visitare e scoprire per vivere le vere emozioni che solo una città meravigliosa e d'incanto simile può offrire !
Iniziamo la carrellata di prodotti ericini con un dolce tipico: le genovesi ericine. Sono dei dolci deliziosi di pasta frolla con farcitura alla crema di latte.
Diverse sono le attività commerciali dove è possibile acquistarle e gustarle.

Noi che conosciamo bene il luogo possiamo consigliarti dove poter acquistare le migliori genovesi Ericine. Contattaci per avere informazioni utili e consigli.

Altro dolce tipico è rappresentato dai mustaccioli o come li chiamano gli abitanti del luogo "mustazzoli" in dialetto. Sono dei biscotti a base di mandorle con farina, zucchero, cannella e fiori di garofano dalla forma longilinea.

Continuiamo la carrellata con un altro dolce tipico: il dolce di zibibbo. Si tratta di un pasticcino composto da pasta reale con liquore allo zibibbo ricoperto tutto intorno da cioccolato fondente. La forma è prettamente ovale.

Interessanti anche i dolci secchi di fico: rappresentati da gustosi biscotti con una farcitura composta da marmellata di fichi decorati esternamente con palline colorate di zucchero.

Non possiamo inoltre non menzionare i dolci di mandorla, da sempre un dolce presente in tutta la Sicilia ma prodotto anche qui localmente ad Erice.
Uno dei liquori famosi è il liquore "ericino" dal caratteristico colore verde.

Ormai è raro trovare delle bottiglie in quanto l'antica produzione del liquore svolta dagli abitanti del luogo è terminata da tempo, ma è possibile ancora oggi assaporarlo in qualche attività commerciale del posto.
Il nome della località deriva proprio dal suo monte: Monte Erice.

Dista circa 15 KM da Trapani e conta quasi 31000 abitanti.

Nella parte SUD scorge un'antica scalinata che porta a un sedile caratteristico di forma circolare.
E' possibile parlare sottovoce da una estremità all'altra con un altro interlocutore e sentire tutto chiaramente tramite suoni della voce sotto forma di "eco di rimbombo".
Provate voi stessi quando farete tappa a Erice.

La leggenda narra che anticamente gli amanti si incontrassero proprio in tale sedile per potersi parlare senza destare sospetto alcuno.

E' presente il famoso centro di studio e ricerca "Ettore Maiorana", capeggiato dallo scienziato e prof. "Zichichi". Un punto di riferimento per ricercatori e scienziati da tutto il mondo.

La storica ricetta antica delle genovesi ericine nasce proprio dalle monache di clausura. Preparavano questi autentici capolavori gastronomici artigianalmente. Una di queste suore era per l'appunto la signora Grammatico.

La storia risale agli anni 50 quando il padre di Maria Grammatico morì a causa di un improvviso infarto.
La madre, in attesa del sesto figlio mandò Maria e sua sorella presso un convento di monache per avviarle a un antico mestiere a quei tempi rappresentato dall'antica tradizione pasticcera.
All'età di 22 anni uscì dal convento e solo successivamente aprì una pasticceria, diventato quasi un simbolo per Erice e la sua cultura gastronomica.
Il nome derivante dalle varie dominazioni fu vario: "Eryx" nominata da Greci e Romani. I Cartaginesi la chiamarono "Erech", infine "Iruka" era il nome attribuitogli dagli Elimi.
Sin dai tempi dei Fenici Erice era nota per il suo tempio che da essi veniva adorato in nome di Astarte, successivamente chiamata Afrodite dai Greci e infine Venere dai Romani.

Al calare del sole, nella notte inoltrata vi era costantemente una fiamma che ardeva illuminando il tempio dedicato a Venere.

All'estrema punta di Erice scorge il Castello di Venere risalente al periodo normanno nel XII secolo. Il tempio della Dea Ericina risiedeva proprio lì.

La città era protetta da possenti e massicce mura costituite da grandi conci di pietra. Opera di difesa muraria creata a cavallo tra VI e VIII secolo A.C. ad opera degli Elimi.
Le antiche mura erano arricchite da torri di avvistamento accessibili tramite scale ripide e passaggi molto ristretti.
Una costruzione cominciata nel 600 ma mai ultimata prende il nome de "Quartieri Spagnoli".

Tale edificio doveva ai tempi essere rifugio per una guarnigione dell'esercito spagnolo.
Purtroppo tale opera non venne mai ultimata e ad oggi possiamo notare l'incompiuta che si affaccia sul versante di Erice con vista dall'alto del golfo di Bonagia.
Meteo Erice
Sedile Circolare Erice - Drepanum.eu Turismo
Campanile Erice - Drepanum.eu Turismo
Castello di Venere Erice - Drepanum.eu Turismo
Chiesa Matrice Erice - Drepanum.eu Turismo
Posizione
ALTRE LOCALITÀ

PER AZIENDE
REGISTRATI GRATIS

Clicca sul bottone "REGISTRATI GRATIS" con le stelle per registrarti subito.


CONTATTACI

per qualsiasi necessità o richiesta informazioni
Campo richiesto
Campo richiesto
Campo richiesto
Campo richiesto o email non valida. Es. [email protected]
Campo richiesto
Campo richiesto